Trama

Milano, 1972. Piazza Duca d’Aosta, immersa nella canicola di Ferragosto, è talmente vuota da ricordare un paesaggio di De Chirico quando nel deposito bagagli della Stazione Centrale viene rinvenuto, all’interno di una valigia, il cadavere fatto a pezzi di una donna. A indagare sull’omicidio è chiamato il giovane viceispettore Rocco Cavallo, alla sua prima indagine e ansioso di fare bella figura con i propri superiori. Il caso, tuttavia, appare subito di non facile soluzione: il caldo torrido ha anticipato il processo di decomposizione, rendendo impossibile l’identificazione del corpo. L’unico indizio per risalire all’identità della vittima è una piccola croce ortodossa trovata sul fondo della valigia, che potrebbe far pensare a una donna di origine slava. Per il commissario Naldini e per Ferretti della Buoncostume quella donna è certamente una prostituta e il delitto ha tutte le caratteristiche di una punizione esemplare, opera magari di qualche magnaccia particolarmente efferato. L’ipotesi appare ancora più realistica davanti alla scomparsa di una squillo molto conosciuta nell’ambiente, per il cui omicidio viene accusato Totò il Guercio, un magnaccia, appunto, noto in questura per la sua fedina penale tutt’altro che immacolata. Benché il commissario Vicedomini suggerisca un’altra pista, fondata sulla somiglianza tra l’omicidio della donna nella valigia e alcuni brutali delitti compiuti nella metà degli anni Quaranta da un assassino seriale fantasiosamente battezzato dalla stampa Macellaio della Martesana, il caso resta insoluto e consegnato ai polverosi archivi della cronaca nera. E soltanto con l’arrivo, anni dopo, della determinata viceispettrice Valeria Salemi che Rocco Cavallo, il «commissario Cavallo» disilluso dalla vita, ma animato sempre da un intenso desiderio di giustizia, deciderà di riaprire le indagini, questa volta più che mai determinato a trovare il vero responsabile di un omicidio che per trent’anni si è portato dentro come un’ossessione. Flavio Villani gioca su diversi livelli narrativi, consegnandoci un giallo d’atmosfera in cui l’irresolutezza del passato torna a tormentare il presente.

  Perano Pantaloni Basic Uomo Nero

Annunci

Mi piace:

Mi piace Caricamento...

Donna Elegante Ampio Gamba Alta Vita Bottoni, Cerniere, Palazzo Pantaloni A Tempo Pieno I Pantaloni Yellow
Intervista a cura di Roberto Carboni

Tra le cose belle di questo fine 2017, ho avuto la fortuna di incrociare Stefano Sala e il suo il Pedone Avvelenato , fresco di stampa. Terzo e ultimo romanzo di una trilogia sugli scacchi ( Il sacrificio dell’alfiere e La scacchiera d’oro . Tutti editi da Le Due Torri). E mi ha fatto sognare. Con la sua bella scrittura pulita e leggera. Avventurosa da subito. Sognare. Sospendere il tempo e l’incredulità. Mi ha calato nel suo mondo incredibilmente nitido e reale eppure misterioso e spericolato.

Il dono della scrittura è come il dono della mossa negli scacchi. Passi la vita ad affinarlo, ma devi averlo di tuo, perché è magia, è stupore. Ogni frase è un candelotto di dinamite che scatena interi giacimenti di pensieri, di immagini, di memorie e fantasie. Che aggancia la nostra parte tenera e bambina.

Stefano è riuscito a farmi volare, palpitare, incuriosire e stupirmi.

Non cerca di emergere dallo scritto, come il regista teatrale, semplicemente rimane dietro il sipario a osservare pubblico e attori.

Una storia che merita di essere letta.

 

Ciao Stefano, eccoci qua. Benvenuto a Giallo e Cucina . Chi era Gioacchino Greco? Che ruolo ha avuto negli scacchi ?

Ciao Roberto, Gioacchino Greco è stato il più grande giocatore di scacchi italiano di tutti i tempi, era un giovane calabrese, nato nel 1590 e cresciuto in un collegio di gesuiti di Cosenza. Ha percorso tutta l’Europa diventando il primo professionista del gioco, di cui ha creato molte delle regole che sono ancora oggi in vigore.

DEMAX Donna Scarpe sportive Nero

Mi piace:

Mi piace Caricamento...

Trama

Cagliari, fine estate, in una cabina del lido Kalaris Giulia Hernandez di San Raimondo, bella donna appartenente a una delle famiglie più importanti della città, viene ritrovata morta: qualcuno ha sfregiato il suo corpo con decine di coltellate, fuggendo poi nella notte.

A indagare sull’omicidio è il capitano Martino Crissanti, un carabiniere quarantacinquenne con una laurea in antropologia e un grande amore per l’estate, la musica argentina e i tramonti visti dal quartiere di Castello.

La sua indagine sarà soprattutto un viaggio alla scoperta di Cagliari, dalla spiaggia caraibica del Poetto ai centri commerciali della cinta suburbana, dall’alta borghesia cittadina ai semi-occupati di periferia.

Continua a leggere

Mi piace:

Mi piace Caricamento...

Gerry Weber Bohemian Moods, Felpa Donna Viola Blackberry Blend

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

a cura di Francesca Mancini

In uscita il 03 febbraio per Laurana Editore, “Prosecco Connection”, il nuovo lavoro di Fulvio Luna Romero che ha vinto il Premio “Nebbiagialla” – sezione romanzo inedito.

“Prosecco Connection” vede come protagonista il fortunato personaggio già presente nelle sette precedenti opere dell’autore: l’investigatore privato Carlo Caccia.

Attraverso gli occhi del protagonista assisteremo alla lotta tra il crimine organizzato e le forze politiche locali corrotte, per il controllo del nord est.

Un romanzo forte, tensivo, che tratta argomenti scottanti ma in cui trovano spazio anche i sorrisi, e che già si presenta molto bene!

Continua a leggere

Mi piace:

Mi piace Caricamento...

Cr êpes ai funghi

(per 4 persone)

  • 600 gr. di funghi misti
  • 1 uovo
  • 20 gr. di farina di ceci
  • Burro, prezzemolo fresco, sale, pepe, aglio, olio e noce moscata qb.
  • 300 gr. di caprino
  • 80 gr. di farina 00
  • 2,5 dl di latte intero

Per la pastella setacciare le farine in una ciotola, unire il sale, la noce moscata, l’uovo e il latte. Impastare fino ad ottenere una miscela omogenea. Coprire con la pellicola e far riposare in frigorifero per 30 min.

Nel frattempo cuocere i funghi con olio e prezzemolo tritato. Stemperare i caprini e unire olio, sale e pepe Versare in una padella imburrata un mestolo di composto tolto dal frigo e cuocere da ambo le parti.

Continuare la produzione delle crêpes quindi porre al centro di ognuna il caprino con la salsa di funghi e richiuderla. Servirla calda con una spruzzata di prezzemolo fresco tritato.

Continua a leggere

Mi piace:

Mi piace Caricamento...

 

Trama

Antonio è un liceale solitario e risentito, suo padre un matematico dal passato brillante; i rapporti fra i due non sono mai stati facili. Un pomeriggio di giugno dei primi anni Ottanta atterrano a Marsiglia, dove una serie di circostanze inattese li costringerà a trascorrere insieme due giorni e due notti senza sonno. È così che il ragazzo e l’uomo si conoscono davvero, per la prima volta; si specchiano l’uno nell’altro e si misurano con la figura della madre ed ex moglie, donna bellissima ed elusiva. La loro sarà una corsa turbinosa, a tratti allucinata a tratti allegra, fra quartieri malfamati, spettacolari paesaggi di mare, luoghi nascosti e popolati da creature notturne. Un viaggio avventuroso e struggente sull’orizzonte della vita.

Continua a leggere

Mi piace:

Mi piace Caricamento...

a cura di Alessandro Noseda

Una commedia leggera che fa ridere e riflettere.

Possono convivere persone completamente diverse, lontane anni luce per cultura, censo, etnia, condizione economica?

È concretamente realizzabile la contaminazione? O è mero sogno utopico di chi, raggiunta una certa posizione, si sente filantropo? Semplice argomento di conversazione pseudofilosofica nei salotti della Roma bene?

Continua a leggere

Mi piace:

Mi piace Caricamento...